web analytics

Noi due siamo un unico detective! W 01

Come promesso ecco il primo episodio di Kamen Rider W rivisitato e corretto (ed anche graficamente infighettato)!

La vita di Hidari Shoutaro cambia drasticamente quando Narumi Akiko, figlia del precedente proprietario dell’agenzia investigativa per la quale Shotaro lavora, gli fa visita. La ragazza oltre a  minacciarlo di sfratto si autoproclama suo nuovo capo, pretendendo di seguire ovunque il detective per osservare il suo operato. Akiko si ritrova così in un mondo a lei del tutto sconosciuto dove gli uomini grazie a oggetti chiamati “Gaia Memory” possono trasformarsi in superuomini, tuttavia raramente questi “superuomini” sono dotati di buone intenzioni ed è compito di Shotaro fermarli e riportare la pace a Fuuto. Tra mostri ed inseguimenti, quando le cose sembrano volgere al peggio per il nostro detective, fa infine la sua comparsa il suo partner: Philip.

Kamen Rider W Caso 01: Investigando la W! Questi due detective sono una cosa sola! BFHD BFSD

SubGold – Natsumelon

Tenka Gomen no Italian Sentai Subranger! Mairu!

 

Natsumelon

4 thoughts on “Noi due siamo un unico detective! W 01


  1. Carino, mi è piaciuto di più Fourze. Però i miei preferiti rimangono sempre i Super Sentai =)


  2. Complimenti per l’ottimo lavoro di traduzione, l’ho seguita subbata in inglese e devo dire che la vostra traduzione mi è piaciuta molto, infatti conto di sostituire la quella che ho con vostra serie. Una domanda, avete intenzione di tradurre le scritte sulle ciabatte di Akiko?


    • ti dirò la verità, ho seguito lo sviluppo di W molto da lontano quindi a questa cosa non avevo nemmeno fatto caso, fatto sta che ci sono diverse cose da mettere a posto nella 1 quindi terremo conto anche di questa tua segnalazione.


  3. Beh, non male come primo episodio, dai… Già si capisce con chi si avrà a che fare in fatto di cattivi, per non parlare poi di Philip, che da quello che ho capito semba uan sorta di Google vivente xD

Leave a Reply

Oppure

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Facebook

Aiutaci

Archivi